Spesso, quando parlo di digital pr, mi viene posta la domanda: “Jessica, ma concretamente, i risultati  delle tue strategie di digital PR si vedono con diverse tipologie di clienti?”.

E ho capito che il miglior modo per rispondere ad un quesito simile è quello di mostrare dei casi studio reali, che dimostrino l’effettiva efficacia pratica dei metodi che applichiamo nella nostra agenzia e che spieghiamo anche in PR School.

In questo articolo, quindi, come in altri video e in altri pezzi, voglio presentare alcuni dei risultati concreti che siamo riusciti ad ottenere per un nostro cliente e mostrare come il tutto sia stato possibile grazie alle tecniche e strategie che cerchiamo di diffondere ogni giorno. 

Il caso che vogliamo prendere in considerazione è quello del Marketers World (creato da Dario Vignali e dal suo team), un grande evento sull’imprenditoria digitale tenutosi a Riccione dal 14 al 16 settembre di quest’anno.

Come agenzia abbiamo collaborato con gli organizzatori dell’evento per dare a Marketers World una visibilità dal punto di vista mediatico. L’obiettivo della nostra campagna, dunque, non era quello di generare conversioni (in questo caso), in quanto i biglietti erano già stati venduti, ma “semplicemente” di ottenere delle pubblicazioni molto rilevanti sui media.

Il nostro compito, quindi, è stato quello di portare i riflettori di testate e canali pertinenti sul Marketers World.

La strategia, prima di essere eseguita, è stata studiata e pianificata in modo da raggiungere il massimo risultato, in un periodo di tempo molto ristretto: non c’erano molti giorni a disposizione (solo 20) e abbiamo dovuto concentrare le nostre forze su questo progetto, per non disperdere inutilmente energie e risorse.

Il tutto è cominciato – dopo un’analisi – con la creazione del comunicato stampa. Come sempre, ci siamo attenuti alla nostra regola d’oro: informare, non promuovere.

Infatti, ciò che vogliamo fare con ogni comunicato è mettere al corrente il giornalista dell’esistenza dell’iniziativa o del prodotto, fornendogli delle informazioni che possano essere mediaticamente interessanti anche per il suo pubblico di riferimento e che facilitino il lavoro di stesura dell’articolo.

Proprio per questo motivo, l’attacco è stato estremamente “tranquillo”, senza strilli e senza linguaggi pubblicitari:

Arriva Marketers World, l’evento dedicato alle carriere digitali

Come potete vedere, abbiamo evitato di utilizzare termini “commerciali” come innovativo e rivoluzionario. Se avete già lavorato con noi in passato o se avete frequentato il nostro corso sulle digital pr, sapete bene che preferiamo mantenere un tono pacato e neutro: pensiamo che ciò sia alla base di una relazione professionali seria, sostenibile e continuativa con media e giornalisti.

Il focus del comunicato stampa è stato il “cosa” (l’evento Marketers World) ed il “come” (lo svolgimento del seminario e la presenza di ospiti d’eccezione).

Qui vi mostro l’attacco e il primo paragrafo, per darvi un’idea precisa.

Arriva Marketers World, l’evento dedicato alle carriere digitali

Marketers World è stato realizzato da Dario Vignali, imprenditore di 26 anni inserito da Forbes tra i più influenti under 30 italiani, e dal suo team

Il Palacongressi di Riccione, dal 14 al 16 settembre, ospiterà la prima edizione di Marketers World, il primo evento organizzato da Marketers Srl (società fondata da Dario Vignali e da Luca Ferrari, due giovani imprenditori under 30), dedicato allo sviluppo di carriere e professioni digitali.

Da Salvatore Aranzulla ad Andrea Giuliodori: le testimonianze concrete di imprenditori digitali italiani che hanno superato il milione di euro di fatturato grazie ad un’attività online

Sul palco si alterneranno personaggi molto noti all’interno del panorama italiano dell’imprenditoria digitale.

Una volta scritto il comunicato stampa, abbiamo dato vita alla nostra strategia di diffusione. In questo passaggio è importante notare che noi non utilizziamo mai email “a pioggia” o mailing list, ma ci rivolgiamo in maniera esclusiva ai singoli giornalisti. Ogni nostro messaggio è personalizzato e questo, negli anni, ci ha dato davvero molte soddisfazioni sia a livello lavorativo che sul piano personale.

Non solo, però. Infatti, abbiamo anche scelto alcuni redattori e speaker radiofonici in target, ai quali abbiamo inviato un invito personalizzato per Marketers World. Coloro che hanno aderito, sono stati messi in contatto con lo staff, e l’azienda (Marketers Company Srl) si è occupata della sistemazione e dell’aspetto organizzativo.

Il risultato è stato davvero molto positivo. Infatti, non abbiamo ottenuto un semplice “copia e incolla” del comunicato, bensì delle interviste agli organizzatori dell’evento. È chiaro che un’intervista ha un valore mediatico molto alto e che sia preferibile alla semplice pubblicazione del comunicato stampa.

Come abbiamo potuto constatare, infatti, durante le interviste a Dario Vignali e agli altri rappresentanti di Marketers World, sono emersi degli aspetti molto interessanti sia sulla carriera imprenditoriale degli intervistati che sugli obiettivi dell’evento. In particolare, in soli 20 giorni di lavoro, siamo riusciti ad ottenere i seguenti risultati:

articolo su Vanity Fair;

articolo su Il Sole 24 Ore;

articolo su TGCom (Mediaset)

intervista con Moko (speaker di Radio 105);

intervista con Business Insider;

intervista per Radio Deejay

L’articolo su Vanity Fair è stato fondamentale perchè non riportava semplicemente il comunicato stampa, ma un’intervista a Dario Vignali con una bellissima gallery di immagini e foto dei relatori. In questo modo, la rivista è riuscita a pubblicare l’articolo il giorno di inizio di Marketers World ed ha potuto dare ai propri lettori una panoramica molto ampia e dettagliata dei relatori presenti. A nostro modo di vedere, si tratta di un caso esemplare di articolo informativo, ottenuto a partire da un comunicato stampa altrettanto ricco di informazioni.

Anche il testo pubblicato su Il Sole 24 Ore riporta una lunga intervista di Gloria Chiocci a Dario Vignali, all’interno della quale si è parlato sia dell’evento, sia del futuro di Marketers Company Srl.

Infine, TGCom24 ha riportato una rielaborazione del comunicato stampa.

Che cosa possiamo imparare da questo caso studio?

La prima è che se si organizza un evento bisogna preventivare degli inviti alla stampa, compresi di rimborso spese; la seconda, invece, è la conferma che l’approccio del comunicato stampa non deve essere promozionale, ma semplicemente informativo. Questo è fondamentale per dare al giornalista la possibilità di conoscere l’evento in maniera genuina e produrre poi dei contenuti mediatici che rispecchino effettivamente la propria esperienza. Infine, l’inclusione degli speaker più interessanti e rinomati all’interno del comunicato stampa può aiutare moltissimo nel generare l’interesse dei media.

Come avete potuto capire, è stata un’attività relativamente “semplice”, anche se questa semplicità spesso nasconde criticità e una minuziosa ricerca di tutti gli aspetti legati alla scrittura, diffusione e pubblicazione. Ci teniamo a sottolineare come il lavoro del digital pr specialist non possa essere ridotto al semplice invio del comunicato stampa ad una vasta lista di giornalisti; al contrario è fondamentale avere una conoscenza molto estesa delle strategie, delle tecniche e dei tools da utilizzare per massimizzare il risultato che si sta cercando di ottenere. In particolare, questo caso studio pensiamo sia interessante in quanto mostra come tutto questo lavoro possa essere fatto anche in un arco di tempo ristretto, se si hanno le giuste competenze ed abilità.


Hai un’azienda o un progetto e vuoi capire in che modo le Media Relations possono aiutarti?

Contattaci: info@digitalpr.pro


RISORSE:

PDF GRATUITO: “Come contattare i giornalisti”: http://bit.ly/2HAuHY7

PR SCHOOL: https://prschool.it/

CANALE YOUTUBE (digital pr e media relations): http://bit.ly/2pVSVo7

Leggi anche...